Saturday, 21 November 2020

06:27
Silahkan klik tulisan atau gambar untuk lanjut membaca Lynne Pearce on Driving and Productive Thinking.

Lynne Pearce on Driving and Productive Thinking


Lynne Pearce on Driving and Productive Thinking

Posted: 20 Nov 2020 11:27 AM PST

Silahkan membaca berita terbaru tentang otomotif berjudul Lynne Pearce on Driving and Productive Thinking di website Batlax Auto.

The door to the Cayenne closes with a satisfying sound and Lynne Pearce exhales slowly. Over the decades, the modern car has become something of a sanctuary for the academic: a place to muse, meditate and problem solve. A place to feel safe, and find inspiration.

She's spent her morning working on lectures for students at Lancaster University, where she has worked for 30 years and is currently Professor of Literary and Cultural Theory in the Department of English Literature and Creative Writing. Her mind is buzzing. Or at least it was.

"Whenever I get into the car I feel a sense of relief."Lynne Pearce

"Whenever I get into the car I feel a sense of relief. My body relaxes, and I look forward to the uninterrupted time I have to think," says Pearce, as she engages drive and creeps slowly down the steep driveway from her Victorian villa.

A special connection to the car 

The daughter of a mechanic and a garage owner, she grew up surrounded by cars in Cornwall but has lived in north west Scotland for the past 22 years. In that time, she has taken the 800-mile round trip between her late parents' home, and her base two hours north of Glasgow on a regular basis.

Professor Lynne Pearce, Cayenne Turbo S E-Hybrid, 2020, Porsche AG
Behind the wheel of her Cayenne Turbo S E-Hybrid: Professor Lynne Pearce

In 2000 it prompted her to publish her first essay on motoring – "Driving North/Driving South" – and that has since been followed by "Drivetime: Literary Excursions in Automotive Consciousness", described by colleagues in the field as a "landmark" book.

In it, she writes that the long journeys she has undertaken have "… instilled in me a love and need for driving as a valuable (indeed, exceptional) thought-space: a longed-for, ring-fenced slice of time which nothing would intrude upon or interrupt. Many of the things I had to think about in both my professional and personal life were unravelled, sometimes resolved, in the course of my drives ...". And it was those feelings – that special connection to the car – that prompted her to delve deeper into the psychological benefits of time spent behind the wheel.

Cayenne Turbo S E-Hybrid, 2020, Porsche AG
Cayenne Turbo S E-Hybrid

Back in the Cayenne Turbo S E-Hybrid, and after a spirited drive along undulating minor roads, Pearce turns on to the A82 – a road she considers to be a "lifeline for remote Scottish communities, as well as possibly my favourite road in the UK". With electric mode engaged, the pair begin effortlessly clocking up kilometres surrounded by Scotland's superlative scenery.

Driving supports productive thinking

"When I was working on my book, and told people that I was interested in what we think about while we're driving, I was often met with incredulity because there is this misconception that the only thing we can possibly think about when we're in a car is driving itself. However, since the early days of motoring, psychologists have been interested in the fact that driving – as well as being one of the most complex, everyday tasks – is also one that frees up parts of the brain to think productively," she explains.

Professor Lynne Pearce, Cayenne Turbo S E-Hybrid, 2020, Porsche AG
Professor Lynne Pearce examines what we think about when we drive a car.

"It's now widely understood that the reason we can safely day-dream, work through our thoughts, or have a conversation at the wheel is because the brain's central executive remains alert throughout – and it will return our attention to the road in an instant as and when needed. This is why it's much more difficult to think about things other than driving when in bad weather conditions, in the dark, or when driving a different car."

Having spent as many long hours with her head buried in 20th century literary texts and motoring journalism as she has spent on British motorways, Pearce began to note the wide range of cognitive and emotional states prompted by time in the car.

Driving: the ultimate 'time-out' for problem solving

"From the exhilaration and euphoria associated with speed, through the day-dreaming and problem solving promoted by cruising, to the intimate communion we can achieve with the natural world when we're driving through a beautiful landscape with the windows down, I discovered that different types of driving inspire and promote different kinds of thought," she says.

"I discovered that different types of driving inspire and promote different kinds of thought."Lynne Pearce

"For me, American literature focusing on driving as cruising is especially illuminating in this respect, with Joan Didion's 1971 novel "Play It As It Lays" demonstrating how driving the L.A. freeways can help a person suffering from mental distress. By pre-occupying one part of the brain, driving helps to calm us down and think more calmly about our problems. This is why for many of us, myself included, driving is such a great 'time-out' for problem solving."

As well as her role in the English department at Lancaster University, Pearce is Director for the Humanities for CeMoRe – the Centre for Mobilities Research – which has been researching automobility and sustainability since 2003. As such, electric and hybrid vehicles are of particular interest – and so is driving slowly.

The pleasure of slowing down

"Driving fast can be exhilarating and mood-changing, however, I feel strongly that not enough is made these days of the pleasures we can all experience from driving slowly. One of the greatest miracles that motoring has given us is the ability to access and explore out-of-the-way landscapes that would otherwise be out of bounds, and to connect with the world through the windscreen as we gently motor through it.


Terima kasih karena telah membaca berita tentang https://ift.tt/32YSwon, jika berkenan silahkan baca berita lainnya di website kami.

Sondaggio

Posted: 20 Nov 2020 08:56 AM PST

Silahkan membaca berita terbaru tentang otomotif berjudul Sondaggio di website Batlax Auto.


Al Sondaggio 1 di Passione Auto Italiane, sono state aggiunte alcune domande tramite il Sondaggio 2.

 

Il sondaggio sarà disponibile per qualche giorno. Dopo di che verranno pubblicati i risultati sul sito di Passione Auto Italiane.

Terima kasih karena telah membaca berita tentang https://ift.tt/3lQIPQ7, jika berkenan silahkan baca berita lainnya di website kami.

Listino Fiat 500X MY'21

Posted: 20 Nov 2020 08:56 AM PST

Silahkan membaca berita terbaru tentang otomotif berjudul Listino Fiat 500X MY'21 di website Batlax Auto.


È ordinabile la Fiat 500X MY'21, che ottiene il motore diesel 1.6 Mjt 130cv con cambio manuale, al posto del 120cv. Tutta la gamma motori ha l'omologazione Euro6D-Final. L'unica configurazione non più disponibile è il 1.6 MJet con cambio automatico. Il 1.0 120cv rimane il motore di ingresso.

Semplificata la gamma con gli allestimenti Cult (sostituisce la Urban), Connect (sostituisce la Lounge), Cross e Sport, con nuovi pack e una rivisitazione degli accessori optional o di serie. Gli optional sono stati quasi tutti inclusi nei nuovi pacchetti, lasciando un ridotto numero di singoli optional fuori dai pacchetti opzionali. Esce l'allestimento City Cross. 

È stato introdotto il nuovo colore Arancio Sicilia e nuovi tessuti per i sedili. Tra cui è presente anche il rivestimento con il monogramma Fiat. Nuove finiture per la Cult e Connect. Rimane invariata la Sport, mentre la Cross ha alcune variazioni nelle dotazioni. Cambia anche la disponibilità dei cerchi, che rimangono invariati nel design.

1.0 T3 120cv MT E6D 4x2

CULT 21.000€

CONNECT 22.700€

CROSS 23.700€

SPORT 24.500€


1.3 T3 150cv DCT E6D 4x2

CONNECT 25.200€

CROSS 26.200€

SPORT 27.000€


1.3 Mjet 95CV 4x2

CULT 22.900€

CONNECT 24.600€

CROSS 25.600€

SPORT 26.400€


1.6 Mjet 130CV 4x2

CONNECT 26.100€

CROSS 27.100€

SPORT 27.900€

Terima kasih karena telah membaca berita tentang https://ift.tt/3kPPXLa, jika berkenan silahkan baca berita lainnya di website kami.

FCA Heritage celebra i suoi primi cinque anni di vita

Posted: 20 Nov 2020 01:56 AM PST

Silahkan membaca berita terbaru tentang otomotif berjudul FCA Heritage celebra i suoi primi cinque anni di vita di website Batlax Auto.

 


Dal 2015 FCA Heritage tutela e valorizza il patrimonio storico dei marchi Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth attraverso servizi dedicati e attività divulgative e culturali. Un traguardo importante ma soprattutto un nuovo punto di partenza per guardare al futuro con crescente slancio.

Strette collaborazioni con i più prestigiosi musei di design e arte nel mondo, tra cui il famoso MoMA di New York che dal 2017 accoglie nella sua collezione permanente una Fiat 500 serie F (1968), restaurata e donata da FCA Heritage.

Innumerevoli le partecipazioni delle vetture storiche di FCA Heritage a saloni e manifestazioni in Europa, America e Asia. Importanti vittorie e piazzamenti sono stati ottenuti in concorsi d'eleganza e competizioni per auto storiche organizzati in tutto il mondo.

Tutte le attività di FCA Heritage sono sviluppate e coordinate nella sua sede: l'Heritage Hub, lo spazio polifunzionale creato lo scorso anno nello storico comprensorio di Mirafiori a Torino.

All'interno dell'Hub anche l'esposizione di oltre 300 vetture iconiche e la vetrina del programma "Reloaded by creators" e della linea di ricambi "Heritage Parts".

A Mirafiori sono ubicate anche le rinnovate Officine Classiche, l'atelier dove si eseguono le attività di certificazione e restauro di auto storiche, appartenenti sia a privati sia alla collezione di FCA Heritage.

I contatti con gli appassionati e gli utenti di tutto il mondo sono garantiti dal sito web fcaheritage.com e dai nuovi canali social su Instagram e Facebook, attivi dallo scorso giugno.

Proprio sui canali social è stato lanciato oggi il video celebrativo che ripercorre idealmente cinque anni di attività e servizi.

 


Questa settimana si celebra il quinto anniversario di FCA Heritage, il dipartimento del Gruppo dedicato alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio storico dei marchi Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth. Un traguardo importante ma soprattutto un nuovo punto di partenza per guardare al futuro con crescente slancio, continuando a riportare in vita il patrimonio automobilistico di FCA attraverso una piattaforma di servizi e attività divulgative, sportive e culturali ideate e coordinate da FCA Heritage nel suo Hub di Torino, l'innovativa sede sorta nel 2019 all'interno dello storico comprensorio industriale di Mirafiori.


«L'obiettivo per cui nasce FCA Heritage è ben riassunto nel suo nome. Heritage è una parola che noi italiani usiamo spesso come sinonimo di tradizione e storia, trascurando che essa contiene anche un'accezione ulteriore, e forse più letterale, di eredità, patrimonio da trasmettere – dichiara Roberto Giolito, Head of EMEA FCA Heritage –. Aver dato vita a FCA Heritage, nel 2015, per noi vuol dire consegnare una visione più ampia a tutto il patrimonio rappresentato dalla nostra storia e tradizione. Significa valorizzare e non solo celebrare, far vivere e non solo custodire. Si tratta di un patrimonio inestimabile che ancora oggi ispira i modelli di domani, certo più sostenibili e connessi ma che conservano sempre lo stile Made in Italy famoso nel mondo».


 


Collaborazioni con prestigiosi musei di design e d'arte nel mondo


In questi cinque anni FCA Heritage ha stretto importanti rapporti di cooperazione con alcuni dei più famosi musei del mondo, dando vita a una preziosa rete di scambi con il panorama culturale internazionale. Lo dimostrano i trasferimenti temporanei di alcuni dei suoi cimeli presso il Victoria & Albert Museum di Londra (Regno Unito), il Musée National de la Voiture a Compiègne (Francia), il Triennale Design Museum di Milano, il Museo della Tecnica di Sinsheim (Germania), il Museo Nazionale dell'Automobile di Torino e il "Museo delle emozioni" di Alfa Romeo, allestito nel 2016 a Madrid presso il Complejo Duques de Pastrana. E in questo contesto si inseriscono anche la ricerca ed il restauro di una storica Fiat 500 serie F (1968) che, donata da FCA Heritage al MoMA di New York per festeggiare il 60° anniversario dell'iconica vettura, è entrata a far parte della collezione permanente del museo statunitense nel luglio 2017. Il prestigioso ingresso ha "certificato", dunque, l'importanza storica e la valenza simbolica della Fiat 500 degli anni 50: un'icona di stile italiano che incarna molti dei tratti tipici del design modernista dell'epoca, collegandolo ai temi esplorati dalle collezioni esposte al museo newyorkese. E proprio i rapporti con queste celebri istituzioni culturali hanno ispirato uno dei servizi sviluppati dal dipartimento Heritage, lanciato nel 2018: il programma "Reloaded by Creators", che prevede l'acquisizione, il restauro, la certificazione e la re-immissione sul mercato di una selezione di vetture storiche, utilizzando i proventi raccolti per acquisire nuove vetture d'epoca che entrano a far parte della collezione aziendale. Un'attività portata avanti anche dai principali musei d'arte, che finanziano così l'acquisizione e la valorizzazione di altri capolavori.


 


Vetture esposte in tutto il mondo e vincitrici delle più famose gare per auto storiche


Oltre che essere esposte nei più famosi musei del mondo, le rarità di FCA Heritage partecipano anche ai più importanti saloni ed eventi del settore in Europa – continente dove ha sede il Dipartimento – ma anche in America e Asia, viaggiando in oltre venti Paesi. A titolo esemplificativo, ricordiamo la partecipazione a diverse edizioni del Festival of Speed di Goodwood (Gran Bretagna) e della Targa Florio: al centesimo appuntamento con la storica corsa automobilistica siciliana ha partecipato, nel 2016, anche John Elkann, presidente di FCA, a bordo dell'iconica Alfa Romeo Giulietta SZ. A questi eventi dinamici si aggiungono i diversi concorsi di eleganza riservati alle vetture d'epoca, tra cui quello tenutosi nel 2018 presso il Castello Nijō di Kyoto (Giappone) con protagonista l'Alfa Romeo 1900 C52 Coupé, più conosciuta come "Disco Volante", e quello di Amelia Island (Florida, USA) che nel 2016 ha visto trionfare nella sua categoria la Alfa Romeo - Brabham BT45. Sono un piccolo ma significativo campione dell'attività svolta da FCA Heritage per valorizzare e far conoscere i capolavori della tecnica automobilistica italiana in tutto il mondo. Ma alcune di queste rarità non disdegnano, grazie al prezioso supporto tecnico offerto dalle Officine Classiche, di competere anche nelle più famose gare riservate alle veterane. Basti pensare alla straordinaria Alfa Romeo 6C 1500 SS (1928), proveniente dal Museo Storico Alfa Romeo di Arese, che nel 2019 ha vinto la rievocazione storica della "1000 Miglia", la più importante gara di regolarità per auto d'epoca al mondo.


 


Le rinnovate Officine Classiche dove rinascono leggendari esemplari d'epoca


Pochi giorni fa sono state inaugurate le nuove Officine Classiche, l'atelier di restauro e certificazione di FCA Heritage dove si eseguono alcuni dei servizi più apprezzati dagli appassionati di auto storiche: dalla Certificazione di Autenticità ai servizi di assistenza tecnica e manutenzione, fino al restauro integrale. Ampliate e completamente rinnovate nell'aspetto esteriore e nella disposizione degli spazi, le Officine Classiche sono un indiscusso fiore all'occhiello di FCA Heritage. Attive dal 2015 nell'ex Officina 83 di Mirafiori, in via Plava a Torino, le Officine Classiche occupano ora una superficie di circa 6000 metri quadrati – rispetto ai 900 originari – e sono attrezzate con 12 ponti sollevatori, macchinari utensili specifici e una linea di finitura accuratissima che include una cabina dedicata alla verniciatura di singoli elementi. Qui si eseguono tutte le attività di riparazione, restauro e certificazione delle auto storiche dei marchi Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth, sia quelle dei collezionisti privati sia quelle appartenenti alla preziosa collezione di FCA Heritage. In totale, dal 2015 ad oggi, sono state effettuate decine di restauri e rilasciate circa 500 certificazioni a proprietari di vetture residenti in tutto il mondo: dal Giappone agli USA, dal Costa Rica alla Thailandia, fino all'isola di Antigua. Tra le maggiori novità delle officine rinnovate vi è una maggiore affinità alla corporate identity di FCA Heritage, continuando così un percorso iniziato nel 2019 con la nuova sede Heritage Hub e proseguito all'inizio del 2020 con l'inedita Heritage Gallery ospitata al Mirafiori Motor Village. Inoltre, il restyling delle Officine Classiche rende omaggio al famoso comprensorio industriale di Mirafiori, il più grande complesso di FCA nel mondo, che le ospita dal 2015. Le pareti dell'atelier sono ora impreziosite da suggestive immagini storiche della produzione nello stabilimento torinese, alternate da grafiche contemporanee e foto che ritraggono alcune delle vetture storiche più iconiche della collezione aziendale.


 


"Heritage Parts", la nuova linea di ricambi per vetture classiche


Tra i progetti più interessanti di FCA Heritage vi è certamente "Heritage Parts", la linea di ricambi per vetture classiche fedelmente riprodotti grazie alla collaborazione tra FCA Heritage e il marchio Mopar. Lanciato alla fine del 2019, il progetto è partito con i paraurti anteriore e posteriore della Lancia Delta HF Integrale e della Lancia Delta HF Integrale Evoluzione. Ordinabili presso la Rete Autorizzata FCA oppure direttamente sul Mopar Store, i paraurti "Heritage Parts" vengono prodotti dagli stampi originali, che sono stati restaurati e ripristinati per l'occasione. Avvalendosi di stampi e materiali originali, quindi, l'offerta di Mopar e FCA Heritage garantisce il perfetto montaggio dei ricambi e consente alle vetture di poter circolare su strada nel pieno rispetto delle regole omologative. Nuovi particolari sono attualmente allo studio e verranno presentati nei prossimi mesi.


Va infine ricordato che nel 2019 ha debuttato il "Kit Fiat Abarth 595 Classiche", la riedizione del kit di elaborazione ispirato alle originali cassette di trasformazione realizzate da Carlo Abarth per le Fiat 500 a partire dal 1963. Riproposta nel suo design originale, la cassetta di legno contiene tutti i componenti meccanici necessari per potenziare il motore delle Fiat 500 d'epoca oppure per sostituire le parti meccaniche usurate delle Fiat Abarth 595 classiche.


Maggiori informazioni sul prodotto sono disponibili sul sito ufficiale di FCA Heritage nella sezione Store.


 


Heritage Hub, location simbolica dove la storia guarda al futuro


Una menzione particolare tra le realizzazioni più significative di FCA Heritage spetta all'Heritage Hub, la "casa" torinese del dipartimento, dove nascono tutti i servizi e i prodotti destinati agli amanti delle auto d'epoca. Si tratta di uno spazio fluido e creativo ospitato in un edificio evocativo ed evoluto, dove interazione e connettività restituiscono uno sguardo attuale alla storia gloriosa di Fiat, di Lancia, di Abarth, i marchi più strettamente legati al territorio torinese, e di Alfa Romeo. Dal 2019 sorge infatti nell'ex Officina 81 di via Plava, nel comprensorio industriale di Mirafiori. L'ambiente ha mantenuto il suo fascino industriale – pareti, pavimenti e il reticolo di pilastri sono stati restaurati con i colori e i materiali originali – diventando uno spazio polifunzionale fluido e creativo, moderno e stimolante, dove esprimere al meglio la missione di FCA Heritage: tutela, divulgazione e promozione del patrimonio storico dei marchi italiani di FCA. L'ambiente originale è stato oggetto di un accurato restauro conservativo che ne ha rispettato la natura industriale, i colori storici, senape e verde, la pavimentazione in cemento, il reticolo di pilastri metallici. Alzando lo sguardo si può ammirare la mostra sospesa sulla storia di Mirafiori, un percorso di pannelli fotografici e testuali che racconta le vicende più significative dello stabilimento attraverso una fruizione coinvolgente e intuitiva. Fiore all'occhiello dell'Hub è l'inimitabile esposizione di automobili: i 15.000 m2 del padiglione ospitano infatti oltre 300 vetture, autentici gioielli della collezione aziendale - alcuni mai mostrati prima al pubblico - che rendono la struttura un luogo di formazione e di emozione: non uno spazio museale tradizionale, ma un vero e proprio archivio tridimensionale in costante arricchimento. Ne è un simbolo la vettura che ha appena raggiunto lo spazio espositivo, per arricchirne la collezione: l'esemplare della Fiat Nuova 500 elettrica presentato lo scorso 3 luglio al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nei giardini del Palazzo del Quirinale.


 


FCA Heritage protagonista online con i canali social su Instagram e Facebook


Sin dalla fondazione di FCA Heritage, il sito web fcaheritage.com costituisce la "vetrina online" del dipartimento. Disponibile in quattro lingue, il portale costituisce il punto di riferimento privilegiato della community internazionale di appassionati e clienti che entrano quotidianamente in contatto con FCA Heritage per richiedere informazioni, servizi e consulenze. 


Per garantire un accesso ancora più semplice e diretto al patrimonio di conoscenza e rarità automobilistiche custodito da FCA Heritage, lo scorso giugno sono stati inaugurati i canali social ufficiali su Instagram e Facebook, che vanno ad aggiungersi al canale YouTube, attivo dal 2016 e che in questi anni ha totalizzato oltre nove milioni di visualizzazioni. I due nuovi account, che rappresentano l'identità social di FCA Heritage e ne raccontano i luoghi, i servizi, le attività e gli eventi, hanno già superato i dieci milioni di impression. Sulle nuove pagine ufficiali grande spazio è riservato anche alle storie dei personaggi e delle vetture che hanno reso grandi i marchi rappresentati dal dipartimento, e al coinvolgimento di utenti e appassionati che possono interagire direttamente con il team di FCA Heritage, evocando immagini ed esperienze legate alle loro vetture d'epoca.

Terima kasih karena telah membaca berita tentang https://ift.tt/36YS9LQ, jika berkenan silahkan baca berita lainnya di website kami.

È allo studio la Nuova Fiat 500 Mild-Hybrid

Posted: 20 Nov 2020 01:56 AM PST

Silahkan membaca berita terbaru tentang otomotif berjudul È allo studio la Nuova Fiat 500 Mild-Hybrid di website Batlax Auto.


La Nuova Fiat 500 potrebbe essere declinata anche in versione ibrida. L'ad di Fiat, Olivier François, ha spiegato che l'architettura della citycar è in grado di ospitare anche altre tipologie di motori: "Tecnicamente la piattaforma lo consente - ha dichiarato il numero uno di Fiat - ma per ora vogliamo puntare sull'elettrico". Quindi in un secondo momento potrebbe arrivare la Nuova Fiat 500 in versione benzina 1.0 FireFly Mild-hybrid 12V.

Alcune voci affermano che effettivamente è allo studio la versione termica (con motore a benzina Hybrid) della nuova Fiat 500. A differenza della versione elettrica, la versione termica ha i fari e paraurti più classici per differenziare la versione a benzina da quella elettrica.

Lo stesso discorso verrà fatto per le future 500X in versione benzina ed elettrica. Lo stesso potrebbe accadere anche con la 500 Giardiniera annunciata ufficialmente da Fiat due anni fa. 

Essendo uno studio e con il fatto che Fiat si sta concentrando sulla 500 elettrica, non è al momento possibile indicare quando potrebbe arrivare la nuova 500 con motore Mild-Hybrid. Quel che è certo è che la 500 Mild-Hybrid attuale, è troppo datata per andare avanti ancora a lungo.

Terima kasih karena telah membaca berita tentang https://ift.tt/3pO6bIs, jika berkenan silahkan baca berita lainnya di website kami.

A Racer and a Fragile Young Lady: Erich Maria Remarque's "Heaven Has No Favorites"

Posted: 19 Nov 2020 07:43 PM PST

Silahkan membaca berita terbaru tentang otomotif berjudul A Racer and a Fragile Young Lady: Erich Maria Remarque's "Heaven Has No Favorites" di website Batlax Auto.

 I picked this book up after reading Remarque's Three Comrades. (See previous post). I had read that this work was lightly based on 1950s GP driver Portago, and wanted to learn more about Remarque's connection with the automobile and motorsports. Like the auto "Karl" in "Three Comrades," this novel features "Guiseppe," a low-slung sports car with a glorious sound. The time is 1948, and the two scenes most significant in the book take place at a Swiss Sanitarium and Paris, "The City of Lights."
 Initially I was taken back by the continuities from Three Comrades to Heaven Has No Favorites. After all, the female lead character in Three Comrades is dying of TB and the story ends at a Swiss Sanitarium. Her name is Hollmann, and coincidently, the co-driver of lead character Clerfayt is Hollmann! Driver Hollmann has TB and his friend and partner ascends the snowy Alps in perhaps an Alfa Romeo. It is at the hospital/retreat that Clerfayt has a fateful meeting with 24 year old Lillian, a Belgian beauty who has been a patient for three years. Both Lillian and Clerfayt share WWII scars that only complicate an emerging love story fraught with fear, doubts, and later a resolve to live fully and freely. And with that the car facilitates an escape from the routine deadliness of a sanitarium to the energy that is Paris.
The racing scenes featuring Clerfayt driving at the Targa Florio and Monte Carlo are wonderfully described, not as a motorsport journalist would write, but as a romantic novelist would. The motorsports theme is just a matrix, however, within which the theme of life and inevitable death are deeply probed. In the end both Clerfayt and Lillian reach Heaven, as expected. But the key to their passing is the final attainment of happiness, and that happiness can only happen after experiencing enduring love.

Terima kasih karena telah membaca berita tentang https://ift.tt/3pMbkkf, jika berkenan silahkan baca berita lainnya di website kami.

Mercedes-Benz W 136 170 V, Advertising from 1936 -- "A Star that Brings Happiness"

Posted: 19 Nov 2020 04:27 PM PST

Silahkan membaca berita terbaru tentang otomotif berjudul Mercedes-Benz W 136 170 V, Advertising from 1936 -- "A Star that Brings Happiness" di website Batlax Auto.

The Mercedes-Benz W136 was M-B's  line of inline four cylinder vehicles from the mid-1930s into the 1950s. The model 170 V made its public debut as successor to the W 15 Typ 170 in February 1936. Between 1936 and 1939 it was Mercedes' top selling model.

Between 1936 and 1942 over 75,000 were built making it by far the most popular Mercedes-Benz model up till that point.

Enough of the W136's tooling survived Allied bombing during WWII  (or could be recreated post-war) for it to serve as the foundation upon which the company could rebuild. By 1947 the model 170 V had resumed its place as Mercedes' top-seller, a position it held until 1953.[2]

The "V" in the 170 V's name was an abbreviation of "Vorn" (front), added to differentiate it from the contemporary rear-engined M-B 170H (W28) ("H" for "Heck", rear) which used the same four cylinder 1697cc engine, but positioned at the back of the car.

The 1.7 liter four cylinder rear wheel-drive Mercedes-Benz 170 V (W136) was introduced in 1936 to replace the 1.7 liter six-cylinder  (W15). Despite their similar engine capacities, the new car's side-valve M 136 was more powerful. The manual transmission was four speed synchromesh (having been upgraded from synchromesh in only the top two ratios in 1940). Claimed maximum power was 38 PS (28 kW; 37 hp) at 3,400 RPM at an initial compression ratio of 6:1. Mileage was 10 liters per 100 kilometer (24 mpg). The engine was attached using just two mountings and set the standard for smoothness for four-cylinder motors.

The first two years' production had the Mercedes star mounted directly on the grille, the radiator cap was mounted beneath the bonnet. In 1937 the grille was changed and the star now sat atop the radiator cap. The pre-war production of W136 cars and light commercials was around 90,000; production ended in 1942 as all efforts were directed towards the war. Already in 1939 a wood gas-powered model called the 170 VG was presented as the result of petrol becoming largely unavailable for civilian purposes. The generator was mounted on the rear, meaning that the spare wheel had to be relocated to the roof. Thus equipped, the engine produced only 22 PS (16 kW) at 3200 rpm, enough for a top speed of 80 km/h (50 mph). Mercedes-Benz also made the gas generator available as a kit for installation on existing automobiles

Terima kasih karena telah membaca berita tentang https://ift.tt/2UKiIyA, jika berkenan silahkan baca berita lainnya di website kami.