Header Ads

Arriverà la nuova Fiat Punto nel 2023/24?

Arriverà la nuova Fiat Punto nel 2023/24?


Arriverà la nuova Fiat Punto nel 2023/24?

Posted: 09 Jun 2021 08:56 AM PDT

Silahkan membaca berita terbaru tentang otomotif berjudul Arriverà la nuova Fiat Punto nel 2023/24? di website Batlax Auto.


Arrivano le prime notizie che riguardano la nuova generazione della Citroen C3, il cui debutto è previsto per la fine del 2023. Nascerà sulla piattaforma CMP, sarà una classica 5 porte con lunghezza intorno ai 4m. Avrà solo il motore a benzina 1.2 PureTech Mild Hybrid ed un motore completamente elettrico.

E chi sa se in parallelo nascerà anche la nuova generazione della Fiat Punto, che manca dalla gamma Fiat dal 2018. Come DS, Alfa Romeo e Lancia stanno lavorando insieme per la nascita dei nuovi modelli Premium, non è da escludere che Citroen e Fiat, che fanno parte del posizionamento CORE nel gruppo Stellantis, stiano lavorando per sviluppare insieme nuovi modelli. E magari proprio la Punto.

Ovviamente sono solo ipotesi, informazioni concrete le avremo tra la fine di quest'anno e l'inizio del prossimo, quando Tavares svelerà il piano industriale di Stellantis, marchio per marchio.

Tra il 2022 e il 2023 vedremo comunque un nuovo BUV Fiat, con dimensioni intorno ai 4m.

Terima kasih karena telah membaca berita tentang https://ift.tt/3v64pUD, jika berkenan silahkan baca berita lainnya di website kami.

A Bit on the Evolution of the Mercedes-Benz Ignition Key

Posted: 09 Jun 2021 08:27 AM PDT

Silahkan membaca berita terbaru tentang otomotif berjudul A Bit on the Evolution of the Mercedes-Benz Ignition Key di website Batlax Auto.

I own a 1982 Mercedes-Benz 380 SL and have my own story about its ignition key.  A few months ago I realized that I had only one workable key -- the second key I had would open doors but not turn the ignition switch.  So I ordered a key blank from an eBay seller, and went about getting a copy. Easy, you would think?

I first went to a local locksmith in Centerville, Ohio. Remember, this is a key from 1982! He couldn't do it!  So I went to the most prominent locksmith in Dayton, downtown at Gem City Lock and Key. Surprise!  They could not do it either! 2 sided security key! Then I went to the M-B dealer in Centerville. There I found that M-B has only pone key duplicating service, located in Dallas -- you send them the VIN. 

Well I finally found one dealer outside a locksmith in Cincinnati who said he could do it, in Beavercreek, Ohio. He did it, and did it right. Prestige Lock & Key on N. Fairfield. Just in case you also need an auth key copied.


Mercedes-Benz 600 (W 100, 1963 to 1981), ignition lock and ignition key. A special key pouch was included in the scope of delivery. (Photo signature in the Mercedes-Benz Classic archive: 00158853

160 vehicles and a total of 1,500 exhibits are presented in the varied permanent exhibition of the Mercedes-Benz Museum. The "33 Extras" are a particular highlight: they can bring the history of personal mobility and motoring culture to life using details that are often surprising. The Mercedes-Benz Museum Inside newsletter series draws attention to the "33 Extras" and focuses on their background stories. Today's edition is all about the ignition key.

31/33: Ignition key

User-friendly: So convenient around 100 years ago – vehicles were equipped with an ignition starter switch. Simply insert the ignition key, quickly turn it and the starter motor turns over the combustion engine. A very pleasant system, making it possible to just set off. Up to this point, the electric starter, in many cases still optional equipment, had to be activated using a separate switch. The key simultaneously acted as an access authorisation to use the motor vehicle.

Autonomy: The ignition key was quickly established as the standard. It became a beacon of modern ways and individual mobility. Keeping it on the key ring made a clear statement: owners had access to a car, steering it to their desired destination without having to accommodate the restrictions of other forms of mobility. Later in the motor vehicle's development history, the steering was literally associated with turning the key as it not only started the engine, but simultaneously also unlocked the engaged steering wheel lock.

Making things simpler: In fact, the ignition key initially only operated the ignition lock, serving as a mechanical access authorisation. There were separate keys for the door locks. A universally suitable combination key only prevailed after the Second World War.

One impulse, all doors: The ignition key became a signal transmitter for the very first time with the introduction of central locking systems, starting in the 1960s. Turning it in the lock sent an impulse to final control elements in doors and tailgate to lock and unlock. The first Mercedes-Benz to offer a central locking system was the 300 SE with a long wheelbase (W 112).

At the push of a button: Over the years its functionality was continuously enhanced. Car keys became remote controls for doors in the 1990s. Doors unlocked and locked at the push of a button. Initially a conventional key with a key bit remained part of the package. It was simply folded out and inserted into the ignition lock.

No more key bit: The next step was to do away with the key bit. The small plastic housing resembled the shape of a key and featured an electronic system that communicated with the vehicle: the vehicle accepted the command to turn over the engine once the correct "key" had been inserted into the "ignition lock" – the command was still given by turning the key with a flick of the wrist. A slim key with a key bit was actually still included to open the driver's door in an emergency in case the central locking system failed.

Evolution: Many cars still employed keys with a metal key bit. However, even then the plastic part of the key still accommodated electronics in most cases – to deactivate the immobiliser and provide a remote control. Depending on the equipment scope, other vehicles allowed users to leave the electronic unit in their pocket or handbag. The vehicle locked and unlocked automatically. Mercedes-Benz introduced KEYLESS-GO in 1999 in the Mercedes-Benz S-Class. And in many cases all it takes nowadays is to softly press the Start/Stop button on the dashboard to start or switch off the drive system. As a result, it is no longer necessary to turn the ignition key, the last remnant of starting the engine using the hand crank, an exhausting process dating back to the early age of the motor vehicle.

Digital: Nowadays we have compact smart keys to exchange driver profiles with the vehicle. Or smartphones feature a virtual key and act as high-tech substitutes. Sensors within the car identify the authorisation and grant access to the vehicle.


Terima kasih karena telah membaca berita tentang https://ift.tt/3w7SW8r, jika berkenan silahkan baca berita lainnya di website kami.

Turismo Competizione, un nome mitico alle origini dello Scorpione

Posted: 09 Jun 2021 03:56 AM PDT

Silahkan membaca berita terbaru tentang otomotif berjudul Turismo Competizione, un nome mitico alle origini dello Scorpione di website Batlax Auto.


La sigla TC, acronimo di "Turismo Competizione", è legata alle radici di Abarth e la prima vettura a portarla in dote fu la Fiat-Abarth 850 TC che celebra i suoi 60 anni.

Una sigla che racchiudeva la capacità di Abarth di unire il comfort di un'auto da usare tutti i giorni con l'indole corsaiola: comoda per viaggiare e pronta per le corse del fine settimana.

Oggi, Turismo e Competizione, contraddistinguono due versioni della nuova Abarth 595, le due anime del marchio: stile e performance.

 


Quest'anno si celebra il 60esimo anniversario della Fiat-Abarth 850 TC, la prima vettura dello Scorpione contrassegnata dalla sigla "Turismo Competizione" che svelava fin dal nome la sua doppia anima. E oggi le stesse denominazioni storiche - Turismo e Competizione - contraddistinguono le due versioni della nuova Abarth 595, l'icona dello Scorpione che incarna perfettamente le due anime del marchio: stile e performance.


 


Abarth continua a crescere: dopo un 2020 estremamente positivo con un incremento della quota di mercato di quasi il 50% rispetto al 2019; anche nei primi 4 mesi del 2021 in Europa si conferma il trend positivo, grazie alla nuova gamma 2021 dell'Abarth 595 e le rinnovate 595 Turismo e 595 Competizione.


 


Le prestazioni "adrenaliniche", il sound dello scarico, il design distintivo e il piacere di guida rimangono il segreto del successo delle piccole supercar Abarth che continuano a regalare grandi emozioni, in strada e in pista, proprio come la Fiat-Abarth 850 TC del 1961, un'autentica fuoriserie perfetta per l'uso quotidiano quanto nelle gare in circuito, che celebra i suoi "primi 60 anni".  


Le 595 Turismo e 595 Competizione evocano quindi, nel nome e nello spirito, una delle creazioni più famose di Carlo Abarth che, nel 1961, trasformò una tranquilla vettura di famiglia in una maneggevole, leggera e scattante belva da corsa che vinse numerose competizioni europee.


 


Abarth 850 TC del 1961, alle origini del mito dello Scorpione


Erano gli anni Sessanta del boom economico, l'Italia veniva "motorizzata" da Fiat con le 500 e le 600. Da entrambe Carlo Abarth riesce a ricavare delle maneggevoli auto prestazionali che strapazzano le concorrenti nei circuiti europei creando il mito dello Scorpione. Nel febbraio del 1961 il fondatore del marchio produce una delle più fortunate trasformazioni della sua carriera: la Fiat-Abarth 850 TC. Partendo dalla Fiat 600 D, dotata di un quattro cilindri in linea di 767 cm3 e portandone l'alesaggio a 62,5 e la corsa a 69 mm, ne incrementa la cilindrata fino a 847 cm3. Coi nuovi pistoni il rapporto di compressione sale a 9,2:1 e, grazie all'adozione di un nuovo asse a camme più spinto, un carburatore Solex da 32, un nuovo filtro dell'aria, un diverso albero motore e uno scarico adeguato all'impiego sportivo, il motore raggiunge i 52 cavalli a 5800 giri/minuto. La vettura così trasformata raggiunge i 140 km/h, e si rende necessario intervenire sull'impianto frenante nel quale i dischi prendono il posto dei tamburi alle ruote anteriori. Inoltre, ben presto le 600 elaborate da Abarth cambiano aspetto: sotto - e poi al posto - del paraurti anteriore compaiono i radiatori dell'olio e per raffreddare ulteriormente il motore sempre più potente il cofano posteriore viene mantenuto in posizione sollevata grazie a delle staffe, prefigurazione di quello che diventerà lo spoiler posteriore, altra firma del vulcanico Abarth.

I successi in pista non tardano ad arrivare, in particolare nelle massacranti gare di durata che mettono in risalto le prestazioni dell'850 TC e delle sue ulteriori evoluzioni, come le 1000 fino alla Radiale, ma anche l'affidabilità del sapiente lavoro svolto dall'Abarth. Per avere un'idea basta menzionare la 500 chilometri del 1961, corsa sulla mitica Nordschleife del circuito del Nürburgring in Germania. Per celebrarne l'impresa viene realizzata una serie speciale denominata Fiat Abarth 850 TC Nürburgring, seguita poco dopo da una nuova versione 850 TC Corsa/65 ancora più prestazionale. Oltre che per il palmares sportivo, l'Abarth 850 TC si fece apprezzare anche per l'eleganza degli interni dove trovò posto il cruscotto della Jaeger e il volante a tre razze in alluminio.

Dal punto di vista industriale, la realizzazione della 850 TC fu resa possibile grazie all'accordo con Fiat che prevedeva la produzione di alcuni esemplari di 600 D destinati espressamente alle officine Abarth di corso Marche a Torino, dove venivano elaborati.

La sigla "TC", ha una sua storia infatti, non solo fu evocativa della capostipite 850 TC, ma in un secondo momento assunse un significato tecnico, come ad esempio sulla Abarth Ritmo TC 125: infatti, l'acronimo TC (che in questo caso voleva dire "Twin Cam") indicava la distribuzione a doppio albero a camme in testa del motore.


 


Abarth 595 Turismo e Abarth 595 Competizione, grintose nelle prestazioni e raffinate nello stile 


Le Abarth 595 Turismo e Abarth 595 Competizione, disponibili in versione berlina e cabriolet con capote elettrica, sono state pensate per due target diversi. I due modelli, grazie alle specificità degli allestimenti, hanno una forte personalità che le rende uniche.

La 595 Turismo è un omaggio allo stile e al comfort tipico delle granturismo italiane, dedicata a coloro che amano distinguersi, che amano la città e vogliono viverla con stile.

La 595 Competizione si rivolge ai puristi, coloro che amano le prestazioni e la sportività senza compromessi, che vogliono divertirsi in strada come in pista e che non rinunciano mai a trasformare un viaggio in un'esperienza straordinaria.

La dotazione di serie è straordinaria e ricca, include la rinnovata radio 7" touchscreen, i fari poliellittici e luci diurne a LED, l'impianto frenante specifico Abarth e un pulsante che consente di selezionare la modalità di guida "Scorpion" che interviene sulla coppia massima, sulla taratura del servosterzo e sulla risposta del motore al pedale dell'acceleratore.

Inoltre la 595 Competizione per omaggiare la storia sportiva di Abarth riprende alcuni dettagli storici: il nuovo colore opaco Blu Rally della Fiat 131 Abarth Rally degli anni Settanta e i nuovi cerchi in lega da 17" che strizzano l'occhio a quelli della Lancia Delta Rally Integrale degli anni Novanta.

Sotto il cofano di entrambe scalpita il potente 1.4 T-jet Euro 6D Final, con due livelli di potenza, 165 CV per la Turismo e 180 CV per la Competizione, lo stesso propulsore da cui sono derivati i motori delle Formula 4 dei Campionati italiano e tedesco.

Terima kasih karena telah membaca berita tentang https://ift.tt/3zgrZBc, jika berkenan silahkan baca berita lainnya di website kami.
Powered by Blogger.